Superbonuscasa 110 e beneficia degli Ecobonus e Sismabonus al 110% | ECOBONUS 110%

VUOI RISTRUTTURARE CASA?

Vuoi usufruire degli incentivi eco-sisma bonus fino al 110%? Rivolgiti a noi per trovare la soluzione più adatta alle tue esigenze!

Che cos’è l’ecobonus 110%?

I requisiti per ottenerlo

Sconto in fattura e cessione di credito

Stai cercando aiuto e informazioni per accedere al SUPERBONUS 110%? Sei nel posto giusto!

Il nostro obiettivo è facilitarti la richiesta degli interventi di riqualificazione, allo scopo di massimizzare gli incentivi derivanti da ecobonus e sismabonus.

Servizio integrale di consulenza sulle detrazioni fiscali al 110% a Privati, Aziende, Condomini, Ditte Edili o Installatrici, inoltre offriamo attraverso la nostra rete di collaborazioni contatti con imprese e istituti di credito.

Supporto tecnico alla Direzione dei Lavori per la corretta esecuzione degli interventi: Relazione Energetica e Dichiarazione rispondenza ai sensi del D.lgs 192/05 e D.M. 26 Giugno 2015.

Analisi preliminare e progettazione interventi ai fini del bonus 110%

Procedura per la richiesta della detrazione fiscale Ecobonus 110% e relativa trasmissione telematica ad ENEA.

Ci troviamo in Basilicata e precisamente in Val d’Agri. Consulenza in tutta Italia.


Contattaci per trovare la soluzione più adatta alle tue esigenze!

SOPRALLUOGO E PREVENTIVO GRATUITO

P.E.A. Progettazione Energia Ambiente –  c/da Matinelle Zona P.I.P. Tramutola (PZ)

Tel. +39 347 6227503 – Tel. 328 8658385 – Tel. 377 1165302

Offriamo la nostra esperienza e conoscenza per mettervi in contatto con imprese ed istituti di credito.


Inviaci la tua richiesta compilando il modulo sottostante oppure su whatsapp

Inviando questa richiesta, "SuperBonusCasa110" sarà in grado di contattarti attraverso le informazioni raccolte. Ulteriori informazioni sono disponibili nella nostra politica sulla privacy.

SUPERBONUS E SISMABONUS 110%
Lavori di messa in sicurezza sismica che sarà necessario eseguire per accedere al Superbonus 110%

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO
(spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021)

Interventi locali o lavori che interessano l'intera struttura per il miglioramento o l'adeguamento sismico.
LIMITE DI SPESA: 96.000 € moltiplicato per il numero delle unità immobiliari di ciascun edificio, per gli interventi sulle parti comuni di edifici condominiali
PERCENTUALI DI DETRAZIONE: 110%
Le detrazioni fiscali si applicano agli interventi realizzati nei comuni classificati in zona sismica 1, 2 o 3 secondo l'OPCM 3274/2003 e i successivi aggiornamenti regionali. Nel limite di spesa rientrano le valutazioni e le indagini necessarie a definire la Classe di Rischio Sismico per la struttura allo Stato di Fatto. Sono riconosciute nella stessa aliquota anche le spese per la realizzazione di sistemi di monitoraggio strutturale.
IMMOBILI INTERESSATI: qualsiasi immobile a uso abitativo (non solo l'abitazione principale) e immobili adibiti ad attività produttive

ACQUISTO DI UN'UNITÀ IMMOBILIARE ANTISISMICA
(in vigore dal 1 luglio 2020)

• gli immobili interessati sono quelli che si trovano nei Comuni ricadenti in una zona classificata "a rischio sismico 1” (anche "2” e "3”, a seguito della disposizione introdotta dal Dl n. 34/2019)
• devono far parte di edifici demoliti e ricostruiti per ridurre il rischio sismico, anche con variazione volumetrica rispetto al vecchio edificio
• i lavori devono essere stati effettuati da imprese di costruzione e ristrutturazione immobiliare che entro 18 mesi dal termine dei lavori vendono l'immobile
IMPORTO MASSINO SU CUI CALCOLARE LA DETRAZIONE: 
96.000 € per ogni unità immobiliare 
PERCENTUALI DI DETRAZIONE: 110%

SUPERBONUS ED ECOBONUS 110%
Lavori (principali) che sarà necessario eseguire per accedere al Superbonus 110% sulla riqualificazione energetica

ISOLAMENTO DELL'INVOLUCRO

Interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali o inclinate che interessano l'involucro dell'edificio con un'incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell'edificio medesimo o dell’unità immobiliare sita all'interno di edifici plurifamiliari che sia funzionalmente indipendente e disponga di uno o più accessi autonomi dall’esterno.
LIMITE DI SPESA:
50.000 € per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari funzionalmente indipendenti;
40.000 € moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da due a otto unità immobiliari;
30.000 € moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da più di otto unità immobiliari.
REQUISITI: Il progetto di riqualificazione deve rispettare tutti i requisiti richiesti dal DM 26/06/2015, in relazione alla categoria dei lavori - ristrutturazione importante di primo livello, ristrutturazione importante di secondo livello, riqualificazione energetica.
L’isolamento può avvenire tramite cappotto esterno, cappotto interno, insufflaggio. Sono inclusi solo gli elementi che delimitano il volume climatizzato. 
SOGGETTI INTERESSATI: Condomini, quali residenze, alberghi, uffici, negozi, unità produttive, unità commerciali) e Singole unità, quali residenze e uffici

CAMBIO IMPIANTO CON NUOVA CALDAIA A CONDENSAZIONE CENTRALIZZATA O IN UNITÀ UNIFAMILIARI E VILLETTE A SCHIERA

Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione
LIMITE DI SPESA:
30.000 € per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari funzionalmente indipendenti;
20.000 € moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti fino a otto unità immobiliari;
15.000 € moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da più di otto unità immobiliari.
REQUISITI: L'efficienza della nuova caldaia a condensazione almeno pari alla classe A di prodotto prevista dal regolamento delegato (UE) n. 811/2013 della Commissione del 18 febbraio 2013.
La sostituzione con una nuova caldaia a condensazione è un intervento principale per il Superbonus 110% solo in edifici condominiali, in edifici unifamiliari o unità immobiliari in edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti e con accesso dall’esterno. L'incentivo riguarda solo i lavori eseguiti per il servizio di riscaldamento.
SOGGETTI INTERESSATI: Condomini, quali residenze, alberghi, uffici, negozi, unità produttive, unità commerciali) e Singole unità, quali residenze e uffici

CAMBIO IMPIANTO CON POMPA DI CALORE O MICROCOGENERATORE, TELERISCALDAMENTO, BIOMASSE

Intervento di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti a pompa di calore, anche ibrida o geotermica, o microcogenerazione, teleriscaldamento e biomasse.LIMITE DI SPESA:
30.000 € per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari funzionalmente indipendenti;
20.000 € moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti fino a otto unità immobiliari;
15.000 € moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da più di otto unità immobiliari.
REQUISITI: L'efficienza del nuovo impianto deve rispettare quanto indicato dal DM 26/06/2015
La sostituzione con pompa di calore o microcogeneratore può riguardare condomini centralizzati oppure edifici unifamiliari o unità immobiliari in edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti e con accesso dall’esterno.
La nuova pompa di calore che può fornire energia per i servizi di riscaldamento, raffrescamento e ACS deve obbligatoriamente modificare quanto previsto per il servizio di riscaldamento degli ambienti esistente. 
Non è ammesso al Superbonus 110% l'installazione o la sostituzione di un generatore esclusivamente utilizzato per raffrescamento degli ambienti (ad esempio il condizionatore).
La sostituzione dell’impianto con teleriscaldamento o biomasse è ammessa unicamente in comuni non metanizzati e non rientranti nelle procedure di infrazione dell’UE sulle emissioni di PM 10.
La sostituzione con impianti a biomassa è ammessa unicamente per unità unifamiliari o unità in edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti e con accesso dall’esterno.
SOGGETTI INTERESSATI:Condomini, quali residenze, alberghi, uffici, negozi, unità produttive, unità commerciali) e Singole unità, quali residenze e uffici

COLLETTORI SOLARI TERMICI

Intervento di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti a collettori solari termici
LIMITE DI SPESA:
30.000 € per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari funzionalmente indipendenti;
20.000 € moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti fino a otto unità immobiliari;
15.000 € moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da più di otto unità immobiliari.
REQUISITI: L'efficienza del nuovo impianto deve rispettare quanto indicato dal DM 26/06/2015.
La sostituzione con impianti a collettori solari in edifici centralizzati oppure edifici unifamiliari o unità immobiliari in edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti e con accesso dall’esterno.
Tra le spese incentivabili anche i costi iniziali per la richiesta di potenza addizionale fino ad un massimo di 7 kW. Il collettore solare deve essere asservito al riscaldamento degli ambienti.
SOGGETTI INTERESSATI: Condomini, quali residenze, alberghi, uffici, negozi, unità produttive, unità commerciali) e Singole unità, quali residenze e uffici

SUPERBONUS 110%: INTERVENTI TRAINATI
Lavori (trainati) che servono a raggiungere il Superbonus 110% soltanto se eseguiti congiuntamente ad uno dei principali, ad eccezione delle sole colonnine di ricarica.

COLONNINE DI RICARICA PER VEICOLI ELETTRICI

Installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici a condizione che sia effettuata congiuntamente ad almeno uno degli interventi di isolamento termico delle superfici opache o di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti, sopra indicati
LIMITE DI DETRAZIONE: 3.000 € 
REQUISITI: Le infrastrutture di ricarica devono essere dotate di uno o più punti di ricarica di potenza standard non accessibili al pubblico.
I limiti di spesa e le caratteristiche dell'installato si trovano nel DL 63/2013 citato dal DL 34/2020 e s.m.i. Tra le spese incentivabili anche i costi iniziali per la richiesta di potenza addizionale fino ad un massimo di 7 kW.
SOGGETTI INTERESSATI: Condomini, quali residenze, alberghi, uffici, negozi, unità produttive, unità commerciali) e Singole unità, quali residenze e uffici

INSTALLAZIONE DI PANNELLI FOTOVOLTAICI

Installazione di impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica su edifici fino ad un ammontare complessivo delle spese non superiore a dell'impianto solare fotovoltaico eseguita congiuntamente ad uno degli interventi di isolamento termico delle superfici opache o di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti o di riduzione del rischio sismico precedentemente elencati.
LIMITE DI DETRAZIONE: 
euro 48.000 e comunque nel limite di spesa di euro 2.400 per ogni kW di potenza nominale. In caso di interventi di cui all'articolo 3, comma 1, lettere d), e) ed f), del DPR n. 380 del 2001 il limite di spesa è ridotto ad euro 1.600 per ogni kW di potenza nominale.
---------------------------------------------
Installazione di pannelli solari fotovoltaici in edifici, connessi alla rete elettrica. La detrazione è riconosciuta anche per l'installazione di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici agevolati.
LIMITE DI DETRAZIONE: euro 1.000 per ogni kWh di capacità di accumulo del sistema di accumulo, nel limite complessivo di spesa di euro 48.000 e, comunque, di euro 2.400 per ogni kW di potenza nominale dell’impianto.
REQUISITI: L'impianto fotovoltaico incentivato deve riguardare edifici grid-connected e non può essere applicata su una installazione stand alone. L'energia non auto-consumata in sito deve essere ceduta a GSE.
L'incentivo non è cumulabile con altri incentivi pubblici o altre forme di agevolazione di qualsiasi natura previste dalla normativa, nazionale e regionale. L'installazione dei sistemi di accumulo può avvenire contestualmente oppure successivamente all'installazione del nuovo impianto fotovoltaico. Il solare fotovoltaico può contribuire al salto di due classi richiesto dal Decreto Rilancio per il Superbonus 110%, in misura maggiore se utilizzato in abbinamento a impianti alimentati ad energia elettrica come le pompe di calore.
SOGGETTI INTERESSATI: Condomini, quali residenze, alberghi, uffici, negozi, unità produttive, unità commerciali) e Singole unità, quali residenze e uffici

SOSTITUZIONE DEI SERRAMENTI

Sostituzione dei serramenti esistenti con prestazioni energetiche rispondenti ai requisiti di norma.
LIMITE DI DETRAZIONE: 
60.000 € 
REQUISITI:
Il progetto di riqualificazione deve rispettare tutti i requisiti richiesti dal DM 26/06/2015 e in particolare la verifica di trasmittanza e del fattore di schermatura del serramento.
I valori di trasmittanza delle strutture devono rispettare anche quanto indicato dal DM 26/01/2010.
La detrazione si applica alle spese per la sostituzione dei serramenti anche comprensive di infissi e schermature solari. La sostituzione dei serramenti può contribuire al salto di due classi richiesto dal Decreto Rilancio per il Superbonus 110%. 
SOGGETTI INTERESSATI: Condomini, quali residenze, alberghi, uffici, negozi, unità produttive, unità commerciali) e Singole unità, quali residenze e uffici

SCHERMATURE MOBILI

Installazione di schermature mobili sui serramenti.
LIMITE DI DETRAZIONE/SPESA: 60.000 €
REQUISITI: Le schermature mobili devono rispettare i requisiti indicati dal DM Requisiti Minimi.
Il fattore di schermatura indica la percentuale di irraggiamento solare che attraversa il serramento. L'applicazione di schermature mobili può contribuire in misura contenuta al salto di due classi richiesto dal Superbonus del Decreto Rilancio. 
SOGGETTI INTERESSATI: Condomini, quali residenze, alberghi, uffici, negozi, unità produttive, unità commerciali) e Singole unità, quali residenze e uffici

CAMBIO IMPIANTO AUTONOMO IN CONDOMINIO CON NUOVA CALDAIA A CONDENSAZIONE AUTONOMA

Intervento di sostituzione dell'impianto di climatizzazione esistente con caldaia a condensazione.
LIMITE DI DETRAZIONE: 30.000 €
REQUISITI: L'efficienza della nuova caldaia a condensazione almeno pari alla classe A di prodotto prevista dal regolamento delegato (UE) n. 811/2013 della Commissione del 18 febbraio 2013 e sistema di termoregolazione evoluto. 
L'installazione di una nuova caldaia a condensazione è un intervento principale per il Superbonus solo in edifici condominiali o unifamiliari oppure in unità immobiliari in edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti e con accesso dall’esterno. Nel caso di termoautonomi in condominio si considera subordinato. L'incentivo riguarda solo interventi eseguiti per il servizio di riscaldamento.
SOGGETTI INTERESSATI: Residenze, alberghi, uffici, negozi, unità produttive, unità commerciali

BUILDING AUTOMATION

Installazione e messa in opera di sistemi di Building Automation (BACS), che consentano la gestione automatica personalizzata degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda sanitaria o di climatizzazione estiva, compreso il loro controllo da remoto attraverso canali multimediali.
LIMITE DI SPESA E DETRAZIONE: Nessuno.
REQUISITI: I dispositivi devono consentire il controllo e la gestione degli impianti da remoto.
Non è semplice considerare questo tipo di sistemi nel salto di classe richiesto dal Decreto Rilancio. La norma da applicare per questo caso è la UNI 15232 che indica fattori correttivi sulla prestazione energetica globale.
Non sono incentivate le spese per gli strumenti di lettura dei dati (tablet o smartphone).
La spesa per installazione di building automation è detraibile solo per soggetti IRPEF. 
SOGGETTI INTERESSATI: Condomini, quali residenze, alberghi, uffici, negozi, unità produttive, unità commerciali) e Singole unità, quali residenze e uffici

Devi ristrutturare casa in Basilicata? Affidati a noi di Superbonuscasa110.it e beneficia degli Ecobonus e Sismabonus al 110%

Anche in Basilicata Bonus ristrutturazione per chi effettua lavori di efficientamento energetico e di riduzione del rischio sismico sulla prima casa si vedrà restituire tutta la cifra spesa in cinque quote di pari importo, più un bonus aggiuntivo.

Oggi anche in Basilicata, puoi ristrutturare casa senza spendere un euro, incentivando e rilanciando al contempo l’attività del settore edilizio. Il superbonus al 110% consentirà di realizzare i lavori di miglioramento della classe energetica e di messa in sicurezza delle abitazioni a costo zero per i cittadini. Una proposta shock”.

Chi effettua lavori di efficientamento energetico e di riduzione del rischio sismico sulla prima casa si vedrà restituire tutta la cifra spesa in cinque quote di pari importo, più un bonus aggiuntivo. Per accedere alla detrazione è necessario che ci sia un miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio o, comunque, qualora questo non sia possibile, che si arrivi alla classe energetica più alta. Bisogna certificare che questo sia avvenuto attraverso la presentazione dell’Ape, l’attestato di prestazione energetica. Il bonus viene erogato come detrazione fiscale da restituire in cinque quote di pari importo. Chi effettua i lavori può anche decidere di cedere il suo credito alle banche o all’impresa che realizza i lavori: con questa seconda opzione, il credito viene ceduto ma lo sconto avviene direttamente in fattura.

Ci troviamo in Val d’Agri ed operiamo su tutto il territorio nazionale. I comuni più vicini a noi: Marsicovetere, Viggiano, Tramutola, Sarconi, Moliterno, Grumento Nova, Montemurro, Paterno, Marsico Nuovo, Spinoso, Sasso di Castalda, Brienza, San Martino d’Agri, Gallicchio, Armento, San Chirico Raparo, Sant’Arcangelo, Corleto Perticara, Gorgoglione, Senise, Aliano.